Home Progetti A SCUOLA DEL DIGITALE: CITTADINANZA E LAVORO DIGITALE

A SCUOLA DEL DIGITALE: CITTADINANZA E LAVORO DIGITALE

112
0

Il PON mira al miglioramento delle competenze digitali degli studenti

Di M. Mangiacrapa e C. SarmientoTra i moduli PON offerti dal Liceo Scientifico E.Fermi, vi è “A scuola del digitale”, tenutosi durante i mesi di maggio e giugno. Il Progetto è stato coordinato dal Prof. Luca Ferri e dall’esperto Tommaso Feola, Amministratore di Reti IP e di sistemi informatici, che si occupa di Networking dal 2000, prima come specialista esperto di reti IP locali e geografiche, poi come progettista di reti intranet aziendali. Come si intuisce dal nome, lo scopo del modulo era di far acquisire agli studenti le competenze necessarie per essere soggetti attivi, partecipi e consapevoli delle nuove dinamiche di cittadinanza e lavoro digitale. Proprio mirando a quest’obiettivo, sono strati trattati diversi argomenti quali: cittadinanza digitale consapevole (intesa come la capacità di un individuo di partecipare alla società online); uso ed abuso del termine “digitale”; la storia di Internet, come la nascita di uno dei suoi servizi principali ovvero il World Wide Web; digitalizzazione delle informazioni ed evoluzione della rete; il cloud computing e la virtualizzazione; la sicurezza dei sistemi informatici e dei dati; ed infine, la digitalizzazione dell’amministrazione pubblica, di cui la fatturazione elettronica rappresenta un buon esempio. L’esperto esterno ritiene di esser soddisfatto di come si è svolto il corso e, a tale proposito, afferma: “Credo possa far sviluppare nei ragazzi, prima di tutto, la consapevolezza dei vantaggi correlati allo sviluppo delle competenze digitali, ai rischi della rete e alla possibilità di gestirli con delle informazioni messe a disposizione in aula e nei documenti di approfondimento prodotti.” Il Prof. Feola racconta, poi, che i ragazzi hanno partecipato con interesse, specialmente quando ha trattato argomenti che riguardano la sicurezza della navigazione WEB, il furto di identità digitale e i vari altri aspetti legati all’uso di applicazioni Internet. Uno dei ragazzi che ha partecipato a questo progetto è Andrea Della Gatta, 2Ds, il quale racconta che le lezioni si sono svolte in una classe Cambridge, dove l’esperto faceva uso della LIM per le sue spiegazioni. Queste lezioni teoriche sono state poi seguite da alcune pratiche nel laboratorio d’informatica. Il ragazzo racconta: “Le mie aspettative erano comunque quelle di partecipare ad un PON che mi preparasse all’alternanza e che mi desse delle nozioni d’informatica. Queste aspettative non sono state per nulla deluse.” Andrea continua dicendo che questo progetto lo ha aiutato moltissimo ampliando le sue conoscenze e capacità in questo campo, riuscendo quindi a gestire meglio l’informatica e internet, poiché sono tanto utili e affascinanti, quanto pericolosi se si è inesperti. Andrea conclude consigliando questo progetto a chi vuole avere delle nozioni base d’informatica e vuole affacciarsi a conoscere cose come un server oppure come i PC comunicano tra di loro in quello che è il mare digitale d’internet. In un mondo che ormai è sempre più abituato alla velocità dei computer, diventa necessaria la conoscenza completa di ciò che utilizziamo con tanta frequenza. Tutti sanno che internet è un mondo fantastico, da quando esiste ha semplificato tantissimi processi, ma non tutti sanno che dietro di esso si cela un mondo oscuro e pericoloso, in cui alcune persone inconsciamente si imbattono. Questo progetto non è altro che un modo per rendere più coscienti e cauti gli adolescenti che entrano in questo mondo tanto misterioso e a volte pericoloso, perché “Non è tutto oro quel che luccica.”