Home Cultura TEATRO BELLINI: ALLE PRESE CON L’AMORE

TEATRO BELLINI: ALLE PRESE CON L’AMORE

88
0

Un viaggio a teatro nel mondo dell’amore guidati da Paolo Cresta                                                          Di V.Cesaro e A.Filpi

L’amore è un sentimento complicato, appassionante, a volte incomprensibile però sempre emozionante.  Esso è sempre stato fonte di ispirazione di molte opere letterarie per la capacità di coinvolgerci anche quando non ne siamo diretti protagonisti.                                                                              Per rimanere a tema, alla vigilia di San Valentino, le classi seconde dell’indirizzo biomedico e le terze Cambridge sono andate al teatro Bellini di Napoli per assistere ad uno spettacolo pieno di emozioni, un vero e proprio viaggio nella poesia dell’amore con tutte le sue sfaccettature.

Dalla rassegnazione di Romeo per il rifiuto di Rosalia, che svanirà subito incontrata Giulietta, all’ira cieca e incontrollabile per un amore non corrisposto dell’Orlando Furioso che sradicava alberi a mani nude, fino a opere contemporanee come le poesie di Neruda.                                                                                                                                       Ad accompagnare i ragazzi in questa fantastica esperienza è stato l’attore Paolo Cresta, che ha saputo catturare a pieno l’attenzione degli studenti fino all’ultimo minuto impersonando tutti i ruoli impeccabilmente con un monologo serrato, sostenendo uno spettacolo di ben due ore con un pubblico di adolescenti non abituato a vedere opere teatrali e quindi spesso difficilmente interessabile. In questo monologo l’attore descrive  l’innamoramento in tutti i suoi aspetti, negativi e positivi, mostrandoci come esso possa darci tanta gioia quanta sofferenza.                                                        Infatti, a volte certe emozioni vengono prese molto superficialmente soprattutto dai liceali che tendono a metterle in secondo piano dando maggiore importanza a cose di cui potrebbero sicuramente fare a meno.       

L’amore viene visto come una fonte di sofferenza, una cosa inutile e una perdita di tempo ma come ci ha detto Paolo, con le opere, possiamo notare che in realtà è fondamentale. Come recita un noto proverbio popolare inglese “l’amore fa girare il mondo” non è condannabile in quanto necessario.