Home Interviste VINCITORI FERMINI DEI GIOCHI MATEMATICI DELLA BOCCONI

VINCITORI FERMINI DEI GIOCHI MATEMATICI DELLA BOCCONI

798
0

Intervista ai vincitori della fase d’istituto

Di K. Menale e I. Iavarone

Nella giornata di sabato 22 febbraio abbiamo incontrato gli studenti del nostro liceo vincitori della fase d’istituto dei giochi matematici della Bocconi. La prima domanda che abbiamo posto ai ragazzi è stata quella di illustrarci le motivazioni che li hanno spinti a partecipare ai giochi. I primi a risponderci sono stati D’Amelio Federica della 5ªI e Rucco Matteo della 2ªI, sostenendo che per loro questo è un modo per mettersi in gioco e provare ad applicare quanto studiato, su quesiti basati principalmente sulla logica. 

L’alunno Comune Giovanni Francesco della 5ªC spiega che per lui queste competizioni aiutano a rendersi conto delle proprie capacità al di fuori dell’ambiente scolastico e quindi a poterle migliorare. Una seconda alunna della 5ªC, Angela Di Peppo, spiega che ha interesse a partecipare per poter vedere la matematica sotto un altro punto di vista, non quello basato sulle classiche formule, bensì sulla logica. Infine, gli alunni Crispino Salvatore della 4ªP e Di Lorenzo Alfonso della 4ªEs commentano che la loro scelta di partecipare a queste tipo di prove è dovuta al desiderio di mettere alla prova le proprie competenze riguardanti la logica e la matematica. Come seconda domanda, abbiamo chiesto ai ragazzi se abbiano trovato della difficoltà nella risoluzione del test. Tutti hanno concordato sul fatto che le prove fossero abbastanza facili, per alcuni anche di più di quelle degli anni precedenti. “Vorremmo incoraggiare i ragazzi a partecipare a questi giochi principalmente per spingerli a mettersi in gioco, per cercare di migliorarsi. Ma non bisogna partecipare per vincere, bensì per dimostrare a se stessi le proprie capacità”.

Questo è il messaggio che i ragazzi, vincitori dei giochi matematici della fase di istituto, hanno deciso di mandare a tutti gli studenti del liceo, per spronarli a partecipare. Chiunque ne sentisse il desiderio dovrebbe partecipare, senza preoccuparsi di vincere o perdere, in quanto le competizioni matematiche sono semplicemente il miglior strumento per valorizzare le capacità dei ragazzi e, nel contempo, per stimolarli ad apprezzare maggiormente la matematica.