Home Interviste CHI DIRIGE LA NOSTRA SQUADRA?

CHI DIRIGE LA NOSTRA SQUADRA?

159
0

Miriana Sabatino dirige i lavori del giornale “Parola al Fermi”. L’abbiamo intervistata.

Di K. Menale e I. Iavarone

All’inizio del Laboratorio di Giornalismo Cross Medial, la giornalista Ilenia Menale ha selezionato alcuni partecipanti per il ruolo di direttore. Miriana Sabatinola studentessa che è stata scelta, è molto felice di ricoprire questa mansione.

Miriana, sei responsabile di direzione, di cosa ti occupi nello specifico?

Il giornale online “Parola al Fermi” ha diverse redazioni ognuna delle quali scrive un articolo ogni settimana. Pertanto, in questo caso, ho il compito di assegnare gli articoli da scrivere e controllare costantemente l’operato dei miei compagni. Gli articoli vengono scelti in base alle proposte formative dell’istituto, proprio perché il giornale ha il compito di tenere aggiornati studenti, docenti e genitori sugli eventi del Liceo. Il mio ruolo mi permette inoltre di scrivere un editoriale che viene pubblicato una volta a settimana. Tale opportunità mi entusiasma perché posso avere la libertà di espressione su precisi temi e tematiche e avvenimenti del mondo reale.

Dunque questo è un ruolo abbastanza impegnativo, hai scelto tu di occupartene?

Credo che qualsiasi ruolo, se svolto con impegno e dedizione sia impegnativo. Il Cross Medial può essere paragonato ad una catena di montaggio: funziona se tutti rispettano i propri compiti. Dunque il mio ruolo può sembrare il più impegnativo, ma non penso sia così. Lavoriamo e collaboriamo insieme come una vera e propria squadra. Ringrazio la giornalista Ilenia Menale per avermi dato fiducia e soprattutto l’opportunità di mettermi costantemente in gioco e in discussione.

Per concludere, consiglieresti ai ragazzi di iscriversi al Cross Medial?

Certo che sì. È un percorso completo che la scuola ti offre. Ti dà la possibilità di entrare in contatto con il mondo del giornalismo a 360°, costruire le basi per una professione futura e interfacciarti con un vasto numero di persone. Non solo: aiuta a responsabilizzarti e comprendere che solo il gioco di squadra talvolta è la carta vincente.