Ampliamento dell’Offerta Formativa

AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA 2021/22

 

 

Progetto “Conosciamoci”

Il progetto “Conosciamoci” è un percorso di accoglienza e di orientamento, partito nell’a.s. 2016/2017  e riconfermato per la triennalità 2022/25.

Per favorire il processo di inserimento dello studente del primo anno liceale è prioritario creare un ambiente di apprendimento sereno, che tenga conto del disorientamento iniziale. A tal fine appare indispensabile instaurare fin da subito una bella sinergia tra alunno e docente e favorire l’insorgere del senso di appartenenza alla comunità scolastica. Accogliere significa aiutare lo studente a conoscere la nuova realtà scolastica, ad esprimere liberamente i propri timori e le proprie aspettative, a socializzare con i propri compagni e docenti

I ragazzi sono accompagnati a  conoscere la nuova realtà scolastica, ad esprimere e condividere liberamente  i propri timori e le proprie aspettative, a sviluppare comportamenti cooperativi. Elemento importante di questo percorso è la rilevazione degli stili cognitivi, effettuato dalle psicologhe che ci accompagnano da anni. Perché rilevare gli stili cognitivi? È  fondamentale per i docenti perché possano progettare attività volte a sviluppare nell’alunno l’efficacia del proprio stile di apprendimento, ad  alimentare la sua motivazione allo studio e a guidarlo nell’acquisizione degli strumenti necessari per apprendere. E’ importante anche e soprattutto per gli studenti perché essere consapevoli del canale sensoriale privilegiato attraverso cui apprendono significa riuscire ad organizzare meglio il proprio lavoro

(prendere appunti, schematizzare, etc).

 

 Obiettivi formativi e competenze attese

Conoscersi, all’interno dell’intero curriculum scolastico, individuando attitudini, interessi e capacità; – operare scelte consapevoli e motivate che permettano loro di realizzare il proprio progetto di vita; – acquisire una più accurata consapevolezza sul tema dei conflitti in ambito scolastico, sulle motivazioni che ne sono alla base e sulle conseguenze che genera; – acquisire comportamenti cooperativi e pro-sociali, incentivando le competenze sociali nei ragazzi; – prevenire e ridurre il numero di comportamenti antisociali in ambito scolastico; – migliorare il clima di classe attraverso il potenziamento della competenza emozionale e il senso di responsabilità individuale; – migliorare la qualità delle relazioni, delle interazioni e delle comunicazioni esistenti tra pari; – conoscere il loro stile di apprendimento. Attraverso il progetto verrà tracciato un percorso di orientamento in itinere, volto a sviluppare negli alunni iscritti al primo anno la consapevolezza di sé e dell’efficacia del proprio stile di apprendimento, ad alimentare la loro motivazione allo studio e a guidarli nell’acquisizione degli strumenti necessari per apprendere.

 

 

 

 

 

 

 

Cross Medial Unit

L’evoluzione della tecnologia e la crescente diffusione dei media digitali hanno rivoluzionato le nostre abitudini e soprattutto il nostro modo di comunicare e di raccontare storie. Pensare tuttavia all’innovazione tecnologica, alla multimedialità e alla crossmedialità che ne consegue, come una rivoluzione unicamente legata al settore delle ICT significherebbe non cogliere la rivoluzione culturale in termini di ridefinizione dei processi di produzione e condivisione dei contenuti, di nuove frontiere per il giornalismo, l’entertainment, il sapere condiviso e l’intelligenza collettiva («[…] un’intelligenza distribuita ovunque, continuamente valorizzata, coordinata in tempo reale, che porta ad una mobilitazione effettiva delle competenze.» P. Levy Intelligenza collettiva. Per un’antropologia del Cyberspazio, 1994) che stanno vivendo i Millennials degli anni 2000. L’uomo e soprattutto i nostri studenti sono crossmediali per natura, tendono infatti ad interagire con l’esterno in varie modalità nei medesimi istanti. La novità è nel modo in cui la tecnologia ha messo a disposizione di tutti strumenti in grado di velocizzare un certo numero di processi, rendendo la crossmedialità una dimensione non più soltanto interiore ma anche esteriore. La fondazione Istud (La Fondazione ISTUD è una Business School italiana indipendente che opera nella formazione e nella ricerca) ha effettuato una ricerca sul rapporto dei giovani con la velocità e le nuove tecnologie: si definiscono una “fast moving generation “ una generazione abituata a fare affidamento sulle tecnologie per svolgere attività diverse: studiare, giocare, conversare con gli amici…”. Ma Conversare, studiare, giocare fanno parte della comunicazione/narrazione di sé e degli altri e dell’educazione che la nostra scuola ha cercato di rendere significativa, investendo su una didattica flessibile che impegna i propri studenti in esperienze attive, di lavoro cooperativo, critico e creativo anche soprattutto nei processi di scrittura situata e di gestione dei contenuti (immagini, testo, suoni). Queste riflessioni, nonché le evidenze in termini di motivazione e di acquisizione delle competenze dei nostri studenti che lo scorso triennio hanno partecipato al progetto Cross medial unit, hanno spinto il nostro liceo a riproporre il progetto per il triennio 2022-25: la redazione dei “nati digitali” ovvero la bottega artigiana in cui le nostre studentesse e i nostri studenti imparano ad utilizzare in maniera critica ed autorevole tutti i media messi a disposizione dall’evoluzione tecnologica per narrare la vita, la quotidianità di un liceo che è anche un po’ come casa propria. I ragazzi realizzeranno un vero ambiente di lavoro, infatti la redazione è composta da una trentina di studenti di ogni classe a cui sono attribuiti ruoli precisi a seconda delle competenze e inclinazioni di ciascuno. Il giornale di carta è affiancato dalla versione on -line, dal blog di istituto e da un profilo Facebook. Nello specifico il progetto è finalizzato: 1) all’aggiornamento giornaliero dei profili social dell’Istituto (Facebook/Instagram/Twitter/ canale Telegram); 2) alla creazione e alla gestione di un Ufficio Stampa; 3) alla creazione di un Web magazine dedicato alle pubblicazioni e alle documentazioni prodotte dai docenti e dalle redazioni; 4) alla creazione dell’edizione del giornale digitale in lingua inglese Breaking views; 5) alla conduzione di un programma radiofonico.

Obiettivi formativi e competenze attese

Sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo all’utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro;

competenza chiave europea: competenza alfabetico funzionale e digitale;

obiettivo formativo prioritario: valorizzazione della scuola intesa come comunità a va , aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l’interazione con le famiglie e con la comunità locale , comprese le organizzazioni del terzo settore

CLIL – filosofia-informatica

Il progetto, in coerenza con le finalità esplicitate nel PTOF si propone di integrare le programmazioni disciplinari CLIL e far sì che gli studenti siano capaci di rendersi conto della valenza dell’uso strumentale della lingua nell’apprendimento della disciplina non linguistica.

 

 

 

Obiettivi formativi e competenze attese

Conoscenze:

Transcending the Human Conditions of Conflict:

1 Aesthetic Perception as a Mode of Transcendence

2 Moral Awareness as a Mode of Transcendence

3 Asceticism and the Denial of the Willto-Live DNL:

 The existential stages:

  1. Aesthetic;
  2. Ethical;

3.Religious.

Marx:

  1. Theory of History and the German Ideology
  2. The Alienation. 3. The Communist Manifesto. The Capital Freud 2. Oedipus Complex
  3. Infantile Sexuality
  4. The Defense Mechanism’s
  5. Neuroses and The Structure of the Mind
  6. Psychoanalysis as a Therapy
  7. The Efficacy of Psychoanalytic Therapy .

la crittografia e le reti informatiche:

  1. Comprendere le basi della crittografia e l’uso nella storia di algoritmi crittografici
  2. I vari sistemi di crittografia
  3. Comprendere i processi di crittografia e decrittazione
  4. Regole del cifrario di cesare ed esercizi in c sull’argomento
  5. le reti informatiche
  6. protocolli di comunicazione per la connessione in rete
  7. indirizzi Ip
  8. Strumenti hardware per la connessione in rete

 

Obiettivi di linguaggio e competenze:

Acquisizione di specifico linguaggio tecnico e terminologia specifica della disciplina

Sviluppo di competenze linguistiche specifiche per la disciplina

Estensione del vocabolario dei termini ai termini scientifici propri della disciplina.

Capacità di leggere e comprendere dalla lettura e dalla visione di filmati riguardanti aspetti specifici della disciplina informatica.

Migliorare la comunicazione, lavoro di gruppo, capacità di sintesi anche in lingua diversa dall’italiano e capacità di analisi.

Comprendere che si può imparare indipendentemente dal linguaggio che si usa.

Competenze:

Analizzare il testo sotto il profilo linguistico e storico per individuare i nodi concettuali e contestualizzare gli eventi.

Esporre in modo chiaro e concettualmente corretto i contenuti acquisiti in lingua italiana.

Organizzare un discorso che riassuma con coerenza segmenti dei contenuti acquisiti in lingua inglese.

Capacità:

Analizzare e collegare in maniera diacronica e sincronica gli eventi oggetto di studio in lingua italiana. Avviare una contestualizzazione dei concetti filosofici analizzati in lingua italiana.

Analizzare e collegare in maniera diacronica e sincronica alcuni eventi oggetto di studio in lingua inglese. – “Informatica clil”

 

Dipartimento di Lingue:

Ceriticazioni Cambridge ESOL

Il Liceo Scientifico “Fermi” è, fin dall’anno scolastico 2014/15, centro accreditato per la preparazione del conseguimento delle certificazioni Cambridge ESOL (English for Speakers of Other Languages) che contraddistingue lo studio della lingua inglese come seconda lingua e quindi la didattica specializzata e i relativi esami.; dal 2016/17 anche centro accreditato per esami Cambridge IGCSE Geography, Maths, Biology, Physics e English as a Second Language.. Si tratta di esami che accertano l’effettivo possesso di un determinato livello di conoscenza della lingua inglese come seconda lingua e gli esami si sostengono direttamente nella sede del liceo che è stato riconosciuto “preparation centre” autorizzato dall’Università di Cambridge. Superare un esame Cambridge ESOL consente di ottenere una certificazione di conoscenza della lingua inglese internazionalmente riconosciuta ed accettata, mentre gli esami IGCSE permettono agli studenti di conseguire qualifiche spendibili in Italia e all’estero. A partire dall’a.s. 2018/2019, la preparazione al conseguimento delle certificazioni Cambridge ESOL vede l’intervento diretto di un gruppo di docenti appartenenti al Dipartimento di lingua inglese per i livelli Ket-A2 e Pet-B1; la preparazione al livello FCE-B2 é affidata al docente madrelingua. Il Liceo ha scelto di inserire nel proprio curricolo le certificazioni:

  • Key English Test (KET) esame che accerta la conoscenza della lingua inglese di livello A2 in base alla scala di riferimento del Consiglio d’Europa (soglia d’ingresso verso un uso guidato della lingua inglese).
  • Preliminary English Test (PET) esame intermedio che accerta una conoscenza di livello B1 in base alla scala di riferimento del Consiglio d’Europa (soglia d’ingresso verso un uso indipendente della lingua inglese).
  • First Certificate in English (FCE), esame post-intermedio che accerta una conoscenza di livello B2 in base alla scala di riferimento del Consiglio d’Europa (Independent User).

I corsi di preparazione agli esami Cambridge sono aperti anche agli studenti esterni. I certificati Cambridge ESOL sono riconosciuti anche dalle università italiane, per l’attribuzione dei crediti formativi in base al livello di conoscenza della lingua certificato, dalle università che partecipano al progetto Erasmus, che prevede il possesso di specifici livelli certificati di conoscenza della lingua inglese, dalle industrie ed aziende, enti pubblici e privati, che filtrano le nuove assunzioni attraverso attestazioni certificate di livelli di conoscenza della lingua inglese tali da consentire una piena interazione in lingua nell’ambiente di lavoro. Nelle classi del curricolo Cambridge International il conseguimento della certificazione Cambridge FCE (liv. B2) è inserita nel percorso curricolare, insegnata dai docenti di inglese di classe e viene fatta conseguire alla fine del terzo anno.

Obiettivi formativi e competenze attese

Il CEFR (Common European Framework of Reference for Languages, Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) ha tracciato le linee guida riguardo l’apprendimento e l’insegnamento di una lingua straniera. Il fine ultimo è definire un metodo per accertare le conoscenze delle lingue Europee. I sei livelli di riferimento in cui il CEFR si articola (A1, A2, B1, B2, C1 e C2) rappresentano i parametri di valutazione delle competenze linguistiche individuali. Il Quadro comune di riferimento europeo distingue tre ampie fasce di competenza (“Base”, “Autonomia” e “Padronanza”), ripartite a loro volta in due livelli, per un totale di sei complessivi, permettendo di descrivere quello che è il grado di conoscenza per ciascuno di essi nei diversi ambiti di preparazione: comprensione scritta (comprensione di elaborati scritti), comprensione orale (comprensione della lingua parlata), produzione scritta e produzione orale (abilità nella comunicazione scritta e orale)

Shakespearean lectures

Il progetto Shakespearean Lectures intende presentare la produzione del grande drammaturgo inglese secondo un approccio monotematico. Gli alunni si accostano alla lettura del testo letterario secondo una selezione di brani tutti afferenti ad una macro tematica di grande interesse per gli adolescenti. Mediante l’analisi testuale guidata dal docente e l’attività laboratoriale di ricerca e di riscrittura, essi sono condotti, attraverso un percorso coinvolgente, ad avvicinarsi alla produzione di William Shakespeare e alle problematiche ad essa afferenti, che gli consente il confronto e la riflessione su tematiche inerenti il loro contesto vitale. A conclusione del percorso, essi sono invitati ad impegnarsi in un’attività di riscrittura del testo mediante canali multimediali quali video/foto/testi di vario genere.

 

 

Obiettivi formativi e competenze attese

Il progetto intende essere una estensione extracurriculare a sostegno della programmazione disciplinare del Dipartimento di Lingua inglese, con particolare riferimento alla speciale programmazione in vigore presso le classi CAIE, che prevede lo studio del genere ‘Drama’ al quarto anno.

Nello specifico gli obiettivi e le competenze attese sono :

  • Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi
  • Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario Utilizzare e produrre testi multimediali Disciplinari:
  • Cogliere gli elementi di permanenza e discontinuità nei processi storici e letterari
  • Comprendere le relazioni tra il contesto storico e culturale e le opere Interpretare le variazioni di un tema nell’ambito di culture diverse e nel corso del tempo
  • Utilizzare il linguaggio visivo per comunicare concetti
  • Utilizzare internet per svolgere attività di ricerca
  • Produrre presentazioni multimediali
  • Imparare ad imparare, collaborare, partecipare.

Piattaforma E-Twinning

La piattaforma e-twinning è stata concepita con lo scopo di mettere in contatto alunni e insegnanti del nostro Continente in un network di scuole che collaborano fra loro. Ad oggi la scuola ha 9 progetti registrati e chiusi ed 1 in progress. È stata fino ad oggi utilizzata per pratiche di disseminazione dei programmi Erasmus+ e per la comunicazione tra scuole partner; essa raccoglie evidenze della collaborazione e dei lavori tangibili da condividere, pertanto viene riproposta.

Obiettivi formativi e competenze attese

Gli studenti, entrando in contatto con studenti di paesi e culture diversi e sperimentando l’utilizzo delle lingue straniere in situazioni reali, sviluppano una reale coscienza europea e competenze digitali e linguistiche

Dipartimento di Disegno e Storia Dell’Arte:

 

Databenc art per le scuole- edizione 21-22

Il progetto, basato sull’utilizzo della Piattaforma Edubba per la schedatura delle risorse artistiche, architettoniche, archeologiche e paesaggistiche della Regione Campania, è finalizzato a supportare i Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, nonché le attività di ampliamento dell’offerta formativa nel settore dei Beni Culturali. Le tematiche del progetto fanno riferimento alla necessità di avvicinare i giovani alle risorse del loro territorio, attraverso un percorso di scoperta, di conoscenza e di valorizzazione dei beni archeologici, artistici, architettonici e paesaggistici. I giovani – con la loro creatività, il loro entusiasmo e soprattutto con la loro competenza nell’uso delle applicazioni digitali – rappresentano una significativa risorsa da incanalare in processi mirati a valorizzare il grande patrimonio di Beni culturali attraverso itinerari tematici (Tour) tesi a valorizzare le tipicità territoriali.

 

Laboratorio di arte/pittura

Il Progetto si basa su corsi pomeridiani di pittura ad affresco e pittura su tavola con la tecnica della tempera ad uovo. I corsi sono aperti agli studenti del liceo dalla prima alla quinta classe.

Obiettivi formativi e competenze attese

– Far acquisire la capacità di lettura analitica di un’opera d’arte, stimolando l’osservazione anche nei confronti dei particolari più minuti;

– sviluppare la capacità di riconoscimento dello stile di un autore e della sua bottega, attraverso la copia delle opere realizzate;

– arricchire le conoscenze relative all’ambiente delle botteghe medioevali;

– conoscere i materiali utilizzati e le fasi esecutive della tecnica dell’affresco e della tempera ad uovo.

Desiderio d’arte

Il progetto ha come scopo quello di avvicinare i ragazzi alla problematica della conservazione e della valorizzazione del patrimonio storico e artistico territoriale.

 

 

Obiettivi formativi e competenze attese

Creare un ambiente collaborativo per gli studenti per la costruzione di racconti sul patrimonio storico artistico del territorio di appartenenza delle scuole

Alla ricerca dell’arte perduta

Il progetto, realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Storia e Filosofia, prevede la partecipazione degli alunni ad attività di ricerca e catalogazione delle opere d’arte che risultano smarrite perché sottratte o andate distrutte. Le attività di ricerca saranno condotte per piccoli gruppi guidati da un docente. Lo scopo finale è quello di produrre un e-book. nucleo antico della città di Aversa, considerato centro economico e culturale di tutto l’Agro, con particolare studio alle opere architettoniche nate da committenza religiosa e civile, le cui fabbriche più illustri hanno fatto da “motore propulsore” alle opere realizzate successivamente, così numerose da far meritare ad Aversa l’appellativo di “città delle cento chiese”.

Olimpiadi del patrimonio

Il progetto consiste nella partecipazione degli alunni alle Olimpiadi del Patrimonio organizzate dall’associazione ANISA per l’educazione all’arte. Lo scopo delle Olimpiadi e di ANISA è quello di valorizzare e incentivare l’educazione alle arti visive, promuovere la tutela del patrimonio artistico e ambientale in ogni suo aspetto, incoraggiando e sostenendo iniziative volte ad infondere nei cittadini italiani ed europei un consapevole senso di identificazione nei confronti delle proprie radici storiche e culturali nonché diffondere la cultura artistica in tutti i livelli della società. Il progetto pertanto consiste nell’organizzare la selezione d’Istituto, nell’ incentivare e supportare gli alunni che intendono partecipare fornendogli materiale e test per esercitarsi. Quest’anno il progetto prevede solo la partecipazione alla seconda e, eventualmente, alla terza fase in quanto la prima, la selezione d’Istituto, è stata svolta durante lo scorso anno scolastico e a causa della pandemia non si è potuto procedere alla fase successiva. Inoltre, proprio a causa della pandemia, quest’anno la seconda fase non si svolgerà nella consueta maniera, cioè tramite test in presenza, ma consisterà nell’invio di un prodotto multimediale sui temi proposti dall’Organizzazione. Pertanto sarà necessario supportare le due squadre in questo nuovo percorso perché possano esprimere al meglio le loro competenze.

FAI: apprendisti ciceroni

Si tratta di un progetto di formazione promosso dal FAI e di un’esperienza di cittadinanza attiva che vuole far nascere nei giovani la consapevolezza del valore che i beni artistici e paesaggistici rappresentano per il sistema territoriale. Gli Apprendisti Ciceroni vengono coinvolti in un percorso didattico di studio dentro e fuori l’aula, per studiare un bene d’arte o natura del loro territorio, poco conosciuto, e fare da Ciceroni illustrandolo ad altri studenti o ad un pubblico di adulti. Sul campo mettono in gioco competenze e abilità, oltre che le soft skills, determinanti per coinvolgere il pubblico e i visitatori. Tre gli obiettivi del progetto: sensibilizzazione-consapevolezza-conoscenza

Mostra al centro commerciale

Il progetto, in coerenza con le finalità esplicitate nel PTOF, promuove la partecipazione degli alunni alle mostre tradizionali, virtuali ed interattive organizzate nei centri commerciali del territorio. Lo scopo è quello di avvicinare gli alunni all’arte utilizzando un linguaggio a loro più familiare, conoscere quadri famosi, ascoltare la storia della loro creazione, capire quello che gli artisti volevano raccontare.

Aversa. Punti di vista

Il progetto, realizzato con la collaborazione dei colleghi di Religione, promuove la partecipazione degli alunni a percorsi di conoscenza del patrimonio culturale di Aversa per concorrere alla formazione del buon cittadino, una persona partecipe alla vita sociale della propria città con un forte senso di appartenenza al suo ambiente socioculturale, particolarmente ricco e vivo nel suo genere, da salvaguardare, valorizzare e soprattutto da conoscere. Si propone pertanto di integrare la programmazione disciplinare con esperienze tese alla comprensione e alla fruizione consapevole per sensibilizzare gli alunni all’importanza del patrimonio storico/artistico della città, necessario per evitare atteggiamenti di disinteresse e renderli più partecipi e responsabili.

Arte, giardini e creatività

Il progetto, che vede la collaborazione del dipartimento di arte con il dipartimento di scienze, si propone di allestire alcuni spazi verdi del giardino della scuola stimolando la creatività dei ragazzi

Disegnare con Autocad

Il progetto intende trasmettere agli studenti l’abilità di utilizzare un software di disegno avanzato

 

 

 

 

Dipartimento di Scienze:

Il cimento delle scienze

Il progetto si propone di potenziare le conoscenze ed affinare le competenze in ambito chimico e biologico, funzionali alla partecipazione ai Giochi della Chimica e ad un più consapevole orientamento nel mondo universitario. Il corso potrà essere svolto in modalità sincrona (video lezioni) ed in presenza. Le lezioni potranno svolgersi anche extramoenia, grazie a corsi di approfondimento organizzati dall’Università Federico II di Napoli, Dipartimento di Chimica.

OBIETTIVI FORMATIVI E COMPETENZE ATTESE

  • Comprendere i meccanismi di funzionamento dei sistemi complessi alla base delle reazioni chimiche, dal punto di vista energetico e composizionale.
  • Definire modelli semplificati ma esaustivi sulla natura intima della materia.

COMPETENZE

Osservare, discernere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere, nelle sue forme, i concetti di sistema e di complessità

Corso di preparazione alle olimpiadi di scienze naturali

Il corso intende favorire lo studio delle tematiche inerenti alla composizione chimica e alle trasformazioni della materia attraverso la formulazione di modelli complessi, rappresentativi della realtà, nonché lo studio delle tematiche inerenti fenomeni biologici ed ecologici attraverso la formulazione di modelli complessi, rappresentativi della realtà.

Obiettivi formativi e competenze attese

Comprendere i meccanismi di funzionamento dei sistemi complessi alla base delle reazioni chimiche, dal punto di vista energetico e composizionale. Definire modelli semplificati ma esaustivi sulla natura intima della materia. Comprendere i meccanismi di sistemi complessi quali quelli biologici, definire in modo esaustivo i processi alla base del flusso dell’informazione genica; comprendere i meccanismi di funzionamento dei sistemi ecologici.

Dipartimento di Lettere:

Lectura Dantis

Il Progetto intende spingere gli studenti ad una lettura consapevole della Commedia, mettendone in luce gli elementi di attualità, e potenziare le capacità comunicative anche attraverso l’uso degli strumenti multimediali. Le attività sono strutturate in tre fasi: nella prima fase i docenti degli studenti aderenti al progetto proporranno, in orario curriculare, un approccio critico al testo dantesco. Nella seconda fase gli studenti elaboreranno la propria lettura personale del testo. Infine gli studenti presenteranno i propri lavori agli altri studenti e, al termine, avvieranno e guideranno un dibattito.

Obiettivi formativi e competenze attese

  • Aumento delle occasioni di cooperazione e della partecipazione attiva degli studenti;
  • innalzare l’equità degli esiti.
  • Implementare metodologie e percorsi finalizzati ad una didattica per competenze.

Lingua latina amica nostra est

L’insegnamento della lingua latina – normalmente non previsto nel curricolo del Liceo scientifico con Opzione Scienze Applicate – seppur inserito come percorso extracurricolare, può essere considerato un ottimo strumento a sostegno delle competenze di Literacy della lingua madre, in grado anche di ampliare l’orizzonte culturale degli studenti, soprattutto di coloro che hanno un background familiare e socioculturale privo di adeguate risorse culturali e opportunità di stimolo, che sono invece vantaggiosi per costruire e sostenere un apprendimento “permanente”. La lingua latina, inoltre, con il suo sistema linguistico logicamente strutturato, deve essere anche considerata come un ulteriore mezzo di sviluppo delle capacità logico – argomentative e critiche, capace di sostenere l’acquisizione delle competenze metodologiche necessarie per il successo formativo.

Obiettivi formativi e competenze attese

Acquisizione delle competenze linguistico-espressive nella lingua madre, a partire dal potenziamento delle abilità di base.

Sapersi esprimere con le opportune categorie grammaticali della lingua madre, utilizzando le strutture linguistiche corrette, con coesione, coerenza, puntualità.

Saper affrontare situazioni problematiche, costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate.

Saper tradurre, in modo autonomo, consapevole ed efficace testi elementari di una lingua classica. Conoscere le radici e l’evoluzione della lingua italiana come risultato di un processo di trasformazione dal latino nei secoli.

Acquisire la consapevolezza dell’importanza del latino come strumento di comunicazione internazionale anche attraverso internet (accanto all’inglese).

Imparare ad organizzare il proprio apprendimento, per acquisire un metodo di lavoro efficace.

Collaborare e partecipare: interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità.

 

Dipartimento di Matematica, Fisica e Informatica:

Arduino e la fisica

L’intervento sarà realizzato mediante le nuove tecnologie didattiche per l’insegnamento delle materie STEM, che hanno contribuito alla creazione di nuovi modelli di interazione didattica, nuove modalità di collaborazione e condivisione, approcci inediti alla fruizione e alla creazione dei contenuti. Questi nuovi modelli e approcci didattici avranno la loro espressione nella didattica laboratoriale intesa come approccio induttivo ai saperi disciplinari e sviluppo della curiosità e della cooperazione tra gli studenti.

Obiettivi formativi e competenze attese

  • Migliorare la didattica interdisciplinare per l’implementazione delle competenze chiave europee Collaborare e partecipare.
  • Risolvere problemi. Individuare collegamenti e relazioni.
  • Analizzare dati ed interpretarli, sviluppando deduzioni e ragionamenti.
  • Saper studiare fenomeni collettivi
  • Analizzare dati ed interpretarli, sviluppando deduzioni e ragionamenti.
  • Saper leggere la realtà ed interpretarla utilizzando raccolte di analisi di dati.
  • Miglioramento delle competenze di progettazione di percorsi educativi da impiegare a sostegno della didattica speciale
  • Aumentare il raccordo tra offerta curricolare e progettazione extracurricolare
  • Saper studiare fenomeni collettivi.
  • Saper leggere la realtà ed interpretarla utilizzando raccolte e analisi di dati.

Potenziamento informatico

Il progetto intende favorire l’interdisciplinarietà con attività che stimolino le relazioni tra la matematica e altre discipline e la diffusione della cultura matematica mediante attività di problem solving e problem posing.

 

Dipartimento di Storia e Filosofia:

Dal testo al contesto

Il progetto è finalizzato alla cura e valorizzazione delle eccellenze presenti in Istituto, nonché alla diffusione delle buone pratiche di apprendimento cooperativo, grazie alla interazione tra le esperienze dei singoli alunni coinvolti e il loro contributo su pratiche, metodi e competenze all’interno del gruppo classe di appartenenza. In linea con le competizioni cui il dipartimento deciderà di aderire, si selezioneranno testi sui quali sarà costruito il laboratorio di filosofia. L’obiettivo precipuo è fornire strumenti di analisi ed interpretazione del testo filosofico (primo step), nonché la produzione di testi filosofici-argomentativi (secondo step) a carattere scientifico e/o divulgativo. Tali competenze risultano spendibili a medio e lungo termine, sia in percorsi aderenti alla filosofia- a carattere scolastico/accademico- sia in contesti non noti ed extra-scolastici (dal mondo lavorativo a quello della formazione post accademica di alto profilo scientifico)

 Obiettivi formativi e competenze attese

  • Definire e comprendere termini e concetti, enucleare le idee centrali;
  • ricostruire la strategia argomentativa e rintracciarne gli scopi ricondurre le tesi individuate nel pensiero complessivo dell’autore;
  • muoversi nel contesto intradisciplinare ed interdisciplinare
  • supportare la competenza chiave di decodifica del testo scritto
  • migliorare la resa nelle prove standardizzate d’istituto
  • migliorare le capacità argomentative orali e scritte favorire l’orientamento universitario e personale/professionale.

 

 

Logica…mente

Il progetto si propone di fornire agli allievi un approccio semplice per avvicinarli allo studio della Logica, da Parmenide (principio di non-contraddizione) ad Aristotele (il sillogismo) fino al Circolo di Vienna con Wittgenstein. Il progetto potenzierà le capacità logiche ed argomentative.

Obiettivi formativi e competenze attese

  • Potenziare il pensiero logico Dialogare in modo corretto e non-contraddittorio
  • Valutare, alla luce di criteri oggettivi, il discorso e le posizioni del proprio interlocutore.
  • Individuare le tesi fondamentali delle teorie filosofiche proposte.
  • Saper operare su semplici proposizioni logiche.
  • Saper disputare logicamente le idee altrui.

Dipartimento di Scienze motorie:

Attività posturali

Il Progetto mira a lavorare sul sistema propriocettivo – comprendente i fusi neuromuscolari, gli organi tendinei del Golgi e i recettori articolari – su quello centrale visivo e vestibolare, alla base della capacità di mantenere o modificare la postura, in relazione alle esigenze esterne e in funzione di un equilibrio stabile.

 Obiettivi formativi e competenze attese

Consolidare e migliorare la postura e il controllo posturale.

 

 

X
Skip to content